#Ortodonzia 05/05/17 13.05

Perché la Mandibola scrocchia?

 mandibola che scrocchiaLa mandibola che scrocchia è un tipo di scricchiolio che si presenta all’apertura o alla chiusura della bocca, quando si parla, si mangia o si sbadiglia. Questa manifestazione è il sintomo di una patologia infiammatoria che riguarda l’articolazione temporo-mandibolare chiamata anche ATM della mandibola. Questo tipo di disfunzione è molto comune, infatti, alcune ricerche stimano che tre persone su quattro abbiano questo tipo di malfunzionamento. Per l’uomo e per la sua sopravvivenza è molto importante l’articolazione temporo-mandibolare. Sarebbe quasi impossibile vivere a lungo senza di essa, a differenza di altre parti del corpo, come mani e piedi.

Cause

Tra le cause che provocano una mandibola che scrocchia, troviamo il malposizionamento dell’Atlante, ovvero la prima vertebra cervicale della colonna vertebrale. Questa malposizione irrigidisce la muscolatura nella zona della nuca e provoca uno scorrimento non armonioso dell’articolazione determinando lo scricchiolio della mandibola. Un’altra causa importante è la malocclusione che provoca un movimento asimmetrico della mandibola e di conseguenza squilibri muscolari. Altre cause possono essere danni cartilaginei, infiammazione locale o il bruxismo, movimento compulsivo ed involontario di chiudere e stringere i denti fra loro, sia durante il sonno che da svegli.

Sintomi

I sintomi sono molteplici: dolori all’orecchio, cattivo sonno, colon irritabile, dolore alla cervicale con relativo mal di testa, dolori alla schiena, alle gambe e alla mandibola stessa. Il dolore localizzato nella regione mandibolare non è un segno ritenuto normale e fisiologico, quando è presente, è importante richiedere una visita odontoiatrica specifica e un approfondimento diagnostico. D’altronde potrebbe essere causato anche dall’eruzione dei denti del giudizioascessi dentali, otiti o spasmi muscolari.

Diagnosi

La diagnosi della mandibola che scrocchia si basa su una visita clinica ed eventuali esami diagnostici necessari per escludere la presenza di altre patologie. Durante la visita il dentista, verifica la presenza dello scricchiolio mandibolare ponendo le dita sull’ATM e chiedendo al paziente di eseguire i movimenti di apertura e chiusura della bocca. Di solito un paziente che manifesta questo tipo di patologia, non è in grado di aprire in modo corretto la bocca poiché limitato dal dolore. In un secondo momento l’odontoiatra potrebbe richiedere una radiografia per verificare eventuali degenerazioni ossee e/o articolari, oppure una risonanza magnetica (RMN).

Trattamento

Dopo una diagnosi accurata della mandibola e accertata l’assenza di altre patologie, è possibile procedere con una terapia adeguata, prendendo sempre in considerazione tutti i sintomi a essa collegati, ossia: mal di testa, vertigini e otiti. Quando il problema è causato dal bruxismo, l’uso di un bite può essere molto efficace, perché non solo diminuisce l’erosione dei denti, ma riduce anche la pressione esercitata sulla mandibola. Un trattamento di ortodonzia può essere la giusta soluzione all’intera problematica quando la mandibola che scrocchia dipende da una malocclusione o dalla deformità della mascella. Quando l’ortodonzia è inefficace, è necessario ricorrere alla chirurgia.

Una mandibola che scrocchia non trattata adeguatamente o trascurata può recare conseguenze più o meno serie. Intervenire tempestivamente può rappresentare un vantaggio enorme, non solo evitando problematiche aggiuntive, ma anche migliorando la qualità di vita.

Scarica gratis gli esercizi per la mandibola

promozione 30 anni di hospitadella

condividi
Commenti

Articoli recenti

    $(document).ready(function() { $('.trat-list').addClass('open'); });